CICLO SOLARE 25

I cicli solari sono causati dal campo magnetico del Sole che si ribalta ogni 11 anni.
Questo fenomeno, influenzato anche dalla gravità dei pianeti, modifica l’attività solare come le macchie solari.

Il sole, la vita

Vita e Sole

Il sole, fuoco primordiale, sorge all’orizzonte, bacio di luce. Nelle sue fiamme dorate, la vita si risveglia, nutrendo ogni foglia, ogni radice.

I raggi solari, archi di speranza, dipingono il mondo con sfumature d’oro. La fotosintesi, magia silenziosa, opera segreta, trasforma l’aria in ossigeno, il verde in vita.

E quando il sole tramonta, sussurra all’orizzonte, la notte accoglie il suo segreto. Stelle compagne, testimoni mute della danza celeste.

Così, nel silenzio dell’infinito, sole e vita, si intrecciano, danzano, creano meraviglia. E noi, figli di luce, custodiamo il loro abbraccio, sognando ancora, nel buio, nuovi albori.

Autore Ignoto

Sol Radiant

In caelo azureo, sol ardens, Corona aurea, splendor fulgens. Dominus diei, rex lucis, In suo nitore, omnia ducis.

Aurea rota in firmamento alto, Radii saltant, cantus sine calco. Fons vitae, calor et vigor, In tuo amplexu, mundus capit color.

O discus ardens, dux nautarum, Tuae vestigia signant antiquas vias. In tuis flammis, universi arcana, Et terra excitatur ad tuum mysterium.

Sol, aeternum astrum, in tuo circulo igneo, Te poetae cantant, in versibus medii aevi. Tua lux effundit, nutrit creaturam, Et in tuo splendore, natura perficitur.

Autore ignoto del medioevo

Aurora

Sotto il cielo vasto e profondo,
dove il buio si fonde col mondo,
sorge l’aurora, danza celestiale,
un balletto di luci, spettacolo boreale.

Verdi onde tra le stelle si snodano,
rosa e viola, in cielo si modellano,
come un pittore che con mano sicura,
disegna nel cielo, natura pura.

E mentre l’aurora gioca con la notte,
il cuore s’innalza, l’anima ascolta,
la melodia silente di un universo nascosto,
in questo spettacolo, sono tutto, sono il tutto.

Oh, aurora dei sogni, magia senza età,
tu che rischiari i pensieri, porti serenità,
continua a danzare, fino all’alba dorata,
e lascia che l’anima resti incantata.

Autore ignoto dal Web

Ciclo Solare 25: Una breve analisi.

Introduzione

Il Ciclo Solare 25 è l’attuale ciclo solare, e si prevede che raggiungerà il suo picco tra gennaio e ottobre 2024Questo ciclo solare ha iniziato a mostrare segni di attività crescente, superando il minimo di attività nel dicembre 2019.

Attività Solare

L’attività solare durante il Ciclo Solare 25 si sta rivelando tutto tranne che tranquilla. Il Sole ha raggiunto livelli di picco di attività, portando con sé una serie di fenomeni spettacolariTempeste solari, espulsioni di massa coronale (CME) e tempeste geomagnetiche di una potenza non vista da anni stanno tenendo banco.

Fenomeni Solari

Recentemente, il Sole ha emesso il suo flare solare più potente di questo ciclo, misurato come un X8.7La luce ultravioletta estrema emessa da questo evento ha ionizzato la parte superiore dell’atmosfera terrestre, causando un black out radio sulle AmericheQuesto fenomeno potrebbe avere ripercussioni su aerei e navi che dipendono da segnali al di sotto dei 30 MHz.

Macchia Solare AR 3664

La fonte di queste intense attività solari è la Macchia Solare AR 3664Questa regione ha generato diverse espulsioni di massa coronale che hanno colpito la Terra, regalando spettacolari aurore visibili lo scorso fine settimanaLa Macchia Solare AR 3664 è una gigantesca regione solare, ben 16 volte più ampia del nostro pianeta.

Previsioni

Secondo il National Oceanic and Atmospheric Administration’s Space Weather Prediction Center, la CME associata a questo flare non dovrebbe avere impatti geomagnetici sulla Terra, data la posizione della regione 3664È importante rimanere aggiornati su queste attività solari in continua evoluzione, poiché potrebbero verificarsi lievi aumenti dell’attività aurorale a seguito delle CME rilasciate.

Conclusione

Il Ciclo Solare 25 sta dimostrando di essere un periodo di intensa attività solare. Nonostante le previsioni iniziali di un ciclo relativamente tranquillo, gli eventi recenti hanno mostrato che l’attività solare può essere imprevedibile e spettacolare. Continueremo a monitorare e riportare gli sviluppi mentre il Ciclo Solare 25 si avvicina al suo picco previsto nel 2024.

Real time – il sole adesso

Video delle ULTIME 24 ore dal satellite SDO

La missione Solar Dynamics Observatory (SDO) è un progetto della NASA che studia il Sole. Ecco alcuni dettagli chiave sulla missione:

SDO è progettato per aiutarci a capire l’influenza del Sole sulla Terra e nello spazio vicino alla Terra, studiando l’atmosfera solare su piccole scale di spazio e tempo e in molte lunghezze d’onda simultaneamente

Quali strumenti utilizza SDO per studiare il Sole?

Questi strumenti lavorano insieme per fornire una visione completa dell’attività solare e del suo impatto sulla Terra e nello spazio vicino alla Terra.

SDO fornisce immagini in tempo quasi reale (NRT) che vengono aggiornate ogni 15 minuti. Sono progettati per gli operatori meteorologici spaziali che per le persone comuni.

SDO trasporta alcuni degli esempi più avanzati di spettroeliografi, strumenti progettati per produrre immagini del Sole in una stretta banda di lunghezze d’onda della luce, mai prodotti. Strumenti simili furono sviluppati più di 100 anni fa per sfruttare la vicinanza del Sole e la sua luminosità. La banda di lunghezza d’onda viene solitamente scelta per includere una riga spettrale di un elemento nell’atmosfera solare.

L’HMI scansiona un filtro stretto (75 mÅ) attraverso la linea spettrale del Fe I 6173 per produrre immagini della fotosfera a diverse lunghezze d’onda. Le immagini vengono combinate per produrre quattro osservabili principali: immagini continue della fotosfera solare vicino alla linea di assorbimento del Fe I 6173, mappe della velocità della linea di vista (Dopplergrammi) e mappe sia della linea di vista che vettoriali del campo magnetico. campo (magnetogrammi).

AIA immagina il Sole in sette canali EUV e tre UV/visibile. Le mappe della temperatura della corona solare da meno di 1 MK a oltre 20 MK possono essere create dai sei canali EUV in diversi stati del ferro ionizzato. La presenza di emissioni di questi ioni ferro mostra che la corona è molto calda e quali parti diventano più calde durante i brillamenti.

EVE misura l’emissione EUV dell’intero Sole (l’irradianza spettrale EUV), mostrando come il complicato spettro solare cambia a causa dell’attività solare e dei brillamenti.

“Per gentile concessione della NASA/SDO e dei team scientifici AIA, EVE e HMI.”

AIA 193

AIA 0304

AIA 171

AIA 94

AIA 335

AIA 131

mappa AR

mappa composita

Tutti gli occhi di SDO

Questa visualizzazione copre lo stesso arco di tempo di 17 ore sull’intera gamma di lunghezze d’onda dell’SDO.

SDO effetto filtri

Questo film si apre con una visione dell’intero disco del Sole nelle lunghezze d’onda visibili. Quindi i filtri vengono applicati a piccoli spicchi di sole a forma di torta.

L’attività della nostra stella

Le linee del campo magnetico, in prossimità delle macchie solari, spesso si aggrovigliano, si incrociano e si ‘riorganizzano’. Ciò può causare un’esplosione improvvisa di energia chiamata brillamento. I brillamenti solari rilasciano molte radiazioni nello spazio. Se uno di questi è molto intenso, la radiazione che emette può interferire con le comunicazioni radio qui sulla Terra. I brillamenti solari sono talvolta accompagnati da esplulsioni di massa coronale (CME) ovvero enormi bolle di radiazione e particelle. Esplodono nello spazio ad altissima velocità quando le linee del campo magnetico cambiano improvvisamente.

La quantità di attività solare cambia con le fasi del ciclo solare

Il ciclo solare è il ciclo che il campo magnetico del Sole compie circa ogni 11 anni. La nostra stella, come detto, è un’enorme sfera di gas caldo elettricamente carico in continua lotta con la gravità. Questo gas carico si muove, generando un potente campo magnetico. Ogni 11 anni circa, il campo magnetico del Sole si ribalta completamente: ciò significa che i poli nord e sud si invertono. Il ciclo solare influenza l’attività sulla sua superficie: si generano ad esempio le macchie solari e potenti brillamenti.

Le macchie solari sono aree che appaiono scure sulla superficie del Sole. Questo perché sono più fredde rispetto alle altre zone. La temperatura di una macchia solare è comunque molto calda: circa 3593 gradi Celsius. Sono più ‘fredde’ perché si formano in aree in cui i campi magnetici sono particolarmente forti: sono così intensi che impediscono al calore del Sole di raggiungere la superficie.

Le linee del campo magnetico, in prossimità delle macchie solari, spesso si aggrovigliano, si incrociano e si ‘riorganizzano’. Ciò può causare un’esplosione improvvisa di energia chiamata brillamento. I brillamenti solari rilasciano molte radiazioni nello spazio. Se uno di questi è molto intenso, la radiazione che emette può interferire con le comunicazioni radio qui sulla Terra. I brillamenti solari sono talvolta accompagnati da esplulsioni di massa coronale (CME) ovvero enormi bolle di radiazione e particelle. Esplodono nello spazio ad altissima velocità quando le linee del campo magnetico cambiano improvvisamente.

Quando le particelle cariche di un CME raggiungono aree vicine alla Terra, possono innescare intense luci nel cielo, chiamate aurore. Se particolarmente forte, un CME può anche interferire con le reti elettriche e, nella peggiore delle ipotesi, può causare carenze di elettricità e interruzioni di corrente. I brillamenti solari e le esplulsioni di massa coronale sono le esplosioni più potenti nel nostro sistema solare.

Il 14 maggio 2024, il Sole ha emesso un forte brillamento solare. Questo brillamento solare è il più grande del Ciclo Solare 25 ed è classificato come X8.7. La classe X denota i brillamenti più intensi, mentre il numero fornisce maggiori informazioni sulla sua forza. Un brillamento solare è un’intensa esplosione di radiazioni, o luce, sul Sole. I brillamenti sono gli eventi esplosivi più potenti del nostro sistema solare. La luce impiega solo circa 8 minuti per viaggiare dal Sole alla Terra, quindi è il tempo necessario all’energia di un brillamento per raggiungere il nostro pianeta. I brillamenti solari più forti – quelli di classe M5 o superiore – possono avere impatti sulla tecnologia che dipende dalla ionosfera terrestre (la nostra atmosfera superiore caricata elettricamente), come la radio ad alta frequenza utilizzata per la navigazione e il GPS. Il Solar Dynamics Observatory (SDO) della NASA ha catturato queste immagini del bagliore, che ha raggiunto il picco alle 12:51 ET del 14 maggio. Il bagliore X8.7 appare sul bordo inferiore destro del Sole. (Una piccola eruzione appare successivamente in alto a sinistra.) SDO vede il Sole in più di 10 distinte lunghezze d’onda della luce, mostrando materiale solare a diverse temperature. In questo video vengono mostrate diverse lunghezze d’onda per evidenziare le diverse caratteristiche del bagliore.

Sarà nel 2024 che la nostra stella raggiungerà il picco della sua attività all’interno dell’attuale ciclo undecennale. Un’attività che sulla Terra rileviamo con l’aumento delle tempeste geomagnetiche e che sul Sole osserviamo con l’aumento delle macchie. In realtà le previsioni, che si basano su osservazioni storiche, statistiche e modelli della dinamo del Sole, avevano fissato il cosiddetto ‘massimo solare’ del 25esimo Ciclo non prima del 2025. Invece, oltre ad arrivare in anticipo, il picco di attività sarà anche più intenso e duraturo. Sono dati importanti per chi si occupa di meteorologia spaziale anche perché permettono di adottare misure adeguate per proteggerci dall’aumento delle radiazioni. Nello spazio potrebbero causare danni alla salute degli astronauti o deviare l’orbita dei satelliti, mentre sulla Terra, le esplosioni di plasma mettono la magnetosfera a dura prova. Le interferenze sullo scudo terrestre generano infatti black out radio ed elettrici. Uno dei più noti avvenne in Canada nel 1989 e interruppe la corrente per circa 12 ore. Tuttavia, le interferenze della magnetosfera non sono sempre distruttive. Le particelle solari, seguendo le linee del campo magnetico, vengono indirizzate verso i poli; quando entrano in collisione con l’ossigeno o l’azoto dell’atmosfera terrestre, si genera il suggestivo spettacolo delle aurore. Inoltre, la prossima eclissi totale avverrà durante il ‘massimo solare’ previsto tra gennaio e ottobre: gli astrofili più attrezzati saranno in grado di osservare i giganteschi anelli di plasma della corona non appena la Luna oscurerà il disco solare.

 Alcune rapide risposte

Per chi non conosce l’argomento ma spiegate in maniera comprensibile 

Istruzioni e note

Vorremmo sottolineare che non è nostra intenzione sostituirci a informatori scientifici o siti governativi ufficiali. Le informazioni fornite qui sono destinate a essere un punto di partenza per ulteriori ricerche e non dovrebbero essere considerate complete o definitive. Per informazioni più dettagliate e complete, si consiglia di consultare fonti scientifiche affidabili o siti governativi ufficiali.

 

Come funziona lo schedario? In questo semplice schedario è organizzato in schede e  le informazioni in schede ogni scheda contiene informazioni specifiche e viene archiviata in un ordine specifico per facilitare la ricerca e il recupero delle informazioni. Trattasi di semplici informazioni che aiutano un neofita a capire l’argomento in questione.

Influenza del sole sulla nostra vita terreste

Il Sole ha un’influenza significativa su molti aspetti della Terra e della vita su di essa. Ecco alcuni modi in cui il Sole ci influisce:

È importante notare che gli scienziati continuano a studiare l’influenza del Sole per comprendere meglio questi fenomeni.

Cosa sono i cicli solari
  • I cicli solari sono periodi che descrivono l’andamento dell’attività solare, basati sulla maggiore o minore presenza di macchie solari sulla superficie del Sole. Queste macchie solari sono prodotte dalla maggiore o minore attività magnetica all’interno della nostra stella.
  • Ogni 11 anni circa, il campo magnetico del Sole si ribalta completamente, il che significa che i poli nord e sud del Sole si scambiano di posizione. Questo fenomeno è noto come ciclo solare.
  • Durante un ciclo solare, l’attività solare aumenta e diminuisce. L’inizio di un ciclo è chiamato minimo solare, quando il Sole ha il minor numero di macchie. Nel tempo, l’attività solare aumenta come il numero di macchie. La metà del ciclo solare è il massimo solare, quando il Sole ha il maggior numero di macchie solari.
  • Quando il ciclo finisce, ritorna al minimo solare e quindi inizia un nuovo ciclo. Alcuni cicli hanno valori massimi con molte macchie solari e attività. Altri cicli possono avere pochissime macchie solari e poca attività.
  • Il monitoraggio e la previsione dei cicli solari sono importanti per la comprensione e la mitigazione degli effetti delle tempeste solari sulla Terra.
Quali sono gli effetti dell'attività solare sulla Terra?

Le tempeste solari possono avere vari impatti sulla tecnologia:

  • Satelliti: Le tempeste solari possono causare danni ai satelliti in orbita, portando a malfunzionamenti o interruzioni delle comunicazioni. Inoltre, le tempeste solari possono spostare i satelliti dalle loro orbite.
  • Comunicazioni Radio e TV: Le tempeste solari possono influenzare le comunicazioni radio e le frequenze delle TV, causando interruzioni o distorsioni dei segnali.
  • GPS e Sistemi di Navigazione: Le tempeste solari possono causare gravi danni ai sistemi GPS e simili, rendendo imprecise le misurazioni di posizione.
  • Rete Elettrica: Le tempeste geomagnetiche possono indurre correnti elettriche nelle reti di trasporto energia, danneggiare i trasformatori e causare blackout estesi.
  • Infrastrutture: Le tempeste solari possono causare danni indiretti anche a gasdotti e linee ferroviarie.
  • Sicurezza Globale: Le interruzioni delle comunicazioni possono mettere a rischio le operazioni di navigazione e sicurezza globale.

È importante notare che gli effetti delle tempeste solari sulla tecnologia possono variare in base all’intensità della tempesta

Cosa è la magnetosfera

La magnetosfera è una regione di spazio circostante di un corpo celeste entro la quale il campo magnetico da esso generato domina il moto delle eventuali particelle cariche presenti. Nel caso della Terra, il campo magnetico non è uniforme, ma bipolare.

Il campo magnetico terrestre fa da scudo alla superficie della Terra dalle particelle cariche del vento solare. È compresso dal lato del giorno (ovvero del Sole) a causa della forza delle particelle in avvicinamento, mentre è esteso dal lato della notte1 La superficie che delimita la cavità geomagnetica (magnetopausa) nella direzione del Sole è situata a una distanza geocentrica di circa 10 raggi terrestri, mentre nella direzione opposta si estende a distanza di centinaia di raggi terrestri.

La struttura delle magnetosfere dipende da una serie di variabili: il tipo di corpo celeste, la natura delle sorgenti del plasma e l’impulso, il periodo di rotazione, l’inclinazione dell’asse di rotazione e dell’asse del momento di dipolo magnetico del corpo e dalla direzione e forza del flusso di vento solare.

La distanza planetaria alla quale la magnetosfera riesce a opporsi al vento solare è detta distanza di Chapman-Ferraro. Essa è stimata in modo semplice da una  formula che non staremo quì a spiegare ma nella quale si rappresenta il raggio del pianeta all’equatore, il campo magnetico sulla superficie e la velocità del vento solare:

dove:

  • D è la distanza di Chapman-Ferraro,
  • B è il campo magnetico sulla superficie,
  • R è il raggio del pianeta all’equatore,
  • ρ è la densità del vento solare,
  • v è la velocità del vento solare.

Una magnetosfera è classificata come “intrinseca” se oppure se a opporsi a il flusso del vento solare è principalmente il campo magnetico. Al contrario, una magnetosfera è indicata con “indotta” se o se il vento solare non è contrastato dal campo magnetico del corpo celeste.

SOHO EIT 171 Ultima immagine

SOHO EIT 195 Ultima immagine

SOHO EIT 284 Ultima immagine

SOHO EIT 304 Ultima immagine

SDO/HMI Immagine continua
.

SDO HMI Immagine magnetogramma

SOHO LASCO C2 Ultima immagine

SOHO LASCO C3 Ultima immagine